CENSUS - La comunità che viene

ITA

Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori: essi hanno le loro uscite e le loro entrate; e una stessa persona, nella sua vita, rappresenta diverse parti” (Iacopo: atto II, scena VII.)
“Come vi piace” di W.Shakespeare


Premessa
Il vento e la pioggia agiscono sui profili delle pietre, le attutiscono, le sfarinano, le smussano, eliminano gli spigoli netti.
Per millenni l’aspetto della superficie terrestre ha subito mutamenti: oltre a quelli interni dovuti al movimento delle placche anche gli agenti esterni come acqua, vento e ghiaccio hanno contribuito all’abbassamento dei rilievi e alla formazione di vallate. Entrambi agiscono molto lentamente, il vento modifica l’aspetto degli alberi, forza i rami e i tronchi, stacca le foglie, erode le pietre, scoglie le vette delle montagne, livella le quote granello dopo granello cambiando modellando lentamente ma inesorabilmente il loro aspetto. Questo è ciò che è poeticamente definito lo “spettacolo della natura”, lo è anche quando si presenta a noi nel suo aspetto più violento. Parallelamente ma indissolubilmente collegato a questo spettacolo ne esiste un altro, lo “spettacolo dell’essere Umano”, le cui valenze, poetiche o tragiche sono inscritte nelle azioni che quotidianamente compie. Attraverso le sue azioni, l’essere umano, modifica lentamente il paesaggio in cui vive, e, altrettanto lentamente, trasforma e adatta le modalità di relazione con “l’Altro”, modificando continuamente il proprio ruolo, il suo esserci e il suo essere al mondo.
Nel corso del tempo si è andato modificando anche il significato di teatro, ossia il movimento di un corpo in uno spazio alla presenza di almeno uno spettatore.
Benvenuti nel Teatro del Mondo!

La Via
Alla ricerca del “corpo attoriale”.
Stabilito che lo “spazio scenico” di nostro interesse coincide con i confini naturali del comune di Acquaviva Delle Fonti, andremo a ricercarne gli attori. Quelli cioè che, non smettendo mai i loro abiti di scena, sono la presenza viva del territorio e ne operano l’incessante trasformazione compiendo atti, consapevoli e inconsapevoli, di “Azione Artistica”. Da questa prospettiva il cittadino di Acquaviva, per noi, è un Attore a tutti gli effetti, si muove e opera in uno spazio alla presenza di altri cittadini/spettatori.
L’edificazione del monumento
Attraverso l’indagine fotografica andremo a ritrarre tutti gli attori/cittadini di Acquaviva. Il risultato sarà uno straordinario dizionario di vite e un’enciclopedia visiva che presenteremo man mano alla collettività con la formula del “Cartellone”, tipico del Teatro classico. Di volta in volta, a cadenze regolari, le gigantografie dei ritratti degli attori saranno presentate-affisse in un luogo preciso della citta, un luogo che di fatto diventerà una sorta di spazio “piedistallo” e monumento unico ai cittadini di Acquaviva Delle Fonti.

I Contenuti
La nostra ricerca non nasce come un percorso verso la formulazione di risposte certe ai diversi e complessi interrogativi che un’epoca frammentata come quella che viviamo ci pone. L’obiettivo è di alimentare le riflessioni oggi in agenda, che riguardano la consapevolezza di essere un individuo-cittadino-attore in un’epoca Post-Storica, facendo valere quella visione altra che scaturisce da quella presa di posizione laterale che è propria dell’Arte.
Giacché il centro della nostra ricerca è saldamente poggiato sull’indagine fotografica non può mancare uno spazio di studio approfondito sulle tematiche contemporanee che riguardano quest’arte. Attraverso seminari, incontri e workshop rivolgeremo una particolare attenzione ai temi della “Memoria” e dell’”Identità” nell’epoca del digitale e dei social.

Options
1 / 60 enlarge slideshowhd
Options
2 / 60 enlarge slideshowhd
Options
3 / 60 enlarge slideshowhd
Options
4 / 60 enlarge slideshowhd
Options
5 / 60 enlarge slideshowhd
Options
6 / 60 enlarge slideshowhd
Options
7 / 60 enlarge slideshowhd
Options
8 / 60 enlarge slideshowhd
Options
9 / 60 enlarge slideshowhd
Options
10 / 60 enlarge slideshowhd
Options
11 / 60 enlarge slideshowhd
Options
12 / 60 enlarge slideshowhd
Options
13 / 60 enlarge slideshowhd
Options
14 / 60 enlarge slideshowhd
Options
15 / 60 enlarge slideshowhd
Options
16 / 60 enlarge slideshowhd
Options
17 / 60 enlarge slideshowhd
Options
18 / 60 enlarge slideshowhd
Options
19 / 60 enlarge slideshowhd
Options
20 / 60 enlarge slideshowhd
Options
21 / 60 enlarge slideshowhd
Options
22 / 60 enlarge slideshowhd
Options
23 / 60 enlarge slideshowhd
Options
24 / 60 enlarge slideshowhd
Options
25 / 60 enlarge slideshowhd
Options
26 / 60 enlarge slideshowhd
Options
27 / 60 enlarge slideshowhd
Options
28 / 60 enlarge slideshowhd
Options
29 / 60 enlarge slideshowhd
Options
30 / 60 enlarge slideshowhd
Options
31 / 60 enlarge slideshowhd
Options
32 / 60 enlarge slideshowhd
Options
33 / 60 enlarge slideshowhd
Options
34 / 60 enlarge slideshowhd
Options
35 / 60 enlarge slideshowhd
Options
36 / 60 enlarge slideshowhd
Options
37 / 60 enlarge slideshowhd
Options
38 / 60 enlarge slideshowhd
Options
39 / 60 enlarge slideshowhd
Options
40 / 60 enlarge slideshowhd
Options
41 / 60 enlarge slideshowhd
Options
42 / 60 enlarge slideshowhd
Options
43 / 60 enlarge slideshowhd
Options
44 / 60 enlarge slideshowhd
Options
45 / 60 enlarge slideshowhd
Options
46 / 60 enlarge slideshowhd
Options
47 / 60 enlarge slideshowhd
Options
48 / 60 enlarge slideshowhd
Options
49 / 60 enlarge slideshowhd
Options
50 / 60 enlarge slideshowhd
Options
51 / 60 enlarge slideshowhd
Options
52 / 60 enlarge slideshowhd
Options
53 / 60 enlarge slideshowhd
Options
54 / 60 enlarge slideshowhd
Options
55 / 60 enlarge slideshowhd
Options
56 / 60 enlarge slideshowhd
Options
57 / 60 enlarge slideshowhd
Options
58 / 60 enlarge slideshowhd
Options
59 / 60 enlarge slideshowhd
Options
60 / 60 enlarge slideshowhd
loading